FacebookTwitterGoogle+
11 Settembre 2018

AT, 37 anni, Eritrea

Ho lasciato l’Eritrea a Gennaio 2016. Per prima cosa sono andato in Sudan, dove sono rimasto per 1 anno e 7 mesi e poi sono entrato in Libia. Sono rimasto in Libia 1 anno e 2 mesi e tutto il tempo l’ho trascorso in un centro di detenzione. Era un posto molto grande, eravamo circa… Continua a leggere »

FacebookTwitterGoogle+
6 Settembre 2018

H.G. 33 anni, Eritrea

“Sono stata costretta a fare la scuola militare per 6 mesi a Sawa. Non volevo fare l’addestramento ma quando non mi sono presentata la polizia è venuta a cercarmi. In Eritrea tutti sono militari, gli uomini e le donne dopo i 18 anni sono costretti a diventare soldati. Anche mio marito era militare, un giorno… Continua a leggere »

FacebookTwitterGoogle+
6 Settembre 2018

M.T. 18 anni, Guinea

“il nostro gommone ha avuto un problema, eravamo più di 100 ma siamo sopravvissuti soltanto in 42. Siamo rimasti più di due ore in acqua prima che ci salvassero. Ho visto tanti corpi in acqua. Il mio amico S. era vicino a me, abbiamo provato a resistere. Sono confuso, ho tenuto la sua mano per… Continua a leggere »

FacebookTwitterGoogle+
6 Settembre 2018

H.Y. 26 anni, Isole Comore

“Ho lasciato il mio paese a causa di un conflitto tra i villaggi, durante il quale mio padre è stato ucciso. In Libia ho trascorso un tempo lungo nelle prigioni, circa un anno in due prigioni. I trafficanti mi hanno venduto da una prigione all’altra. Quando penso alle prigioni divento molto triste, penso che in… Continua a leggere »

FacebookTwitterGoogle+
6 Settembre 2018

A.M.A. 19 anni, Somalia

“ Ho attraversato l’Etiopia, il Sudan, l’ Egitto e la Libia. In Sudan ho pagato 3.500 dollari, per entrare in Libia ho pagato 2.500 dollari. Nel 2017 sono stato portato dai trafficanti in una prigione nella città di Al Shwarif, vicino Tripoli. La mia famiglia aveva già venduto la casa e finito tutti i soldi… Continua a leggere »

FacebookTwitterGoogle+
6 Settembre 2018

A.O. 37 anni, Eritrea

“Nel 2014 mio marito è andato in Libia, da allora non ho più sue notizie. In Eritrea la vita per me era diventata impossibile, le persone che professano la mia religione sono perseguitate. Sono cristiana pentecostale. Non potevo entrare in chiesa, non potevo pregare in nessun luogo, altrimenti mi arrestavano. Nel 2015 ho cercato di… Continua a leggere »